Archivio dell'autore: @(

spazi – Gli ultimi addii

Nel mio amore c’è vita Per la gioia, il dubbio La fede e lo sconforto. Nel mio amore c’è spazio, Un posto pulito Per tutti i tuoi affetti. Tu non lo credi. Dall’alba al tramonto Mi plasmi, contorto. Rimane la … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Widmung – Gli ultimi addii

Mi allaccio a te, Naufraga della coscienza, Germoglio Di amore ispirato Speranza che redime Dall’oblio dell’essere Corpo che radica Calore che scalda. Tu. Mio io migliore.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Ricorrenze – Gli ultimi addii

Non splenderà il quarto Di benedetto secolo unito, Né il cinquantesimo Dei tuoi compleanni. Non sarà festa L’alloro dei figli Nell’albeggiare del loro cammino. Amare lontano È pervinca tra i rovi, Mora di bosco Consunta Di ombra odorosa

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

12 maggio – Gli ultimi addii

Ogni ritorno Cibarsi del tuo corpo Cena raffinata E ultima. Di fronte a me Il miglio verde. “Cosa avrebbero pensato?” È il cantico del boja   Piangevi Dicevi “Non posso rinunciare Agli affetti” In bilico Sul bordo dei letti Pensavo … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

giardinaggio

Abitavo in un piccolo paese di collina, arroccato sulle rocce a strapiombo sul Lago di Garda. Avevamo la scuola elementare, due stanzoni con due maestri, era una pluriclasse. Non facevamo educazione civica, ma un’ora alla settimana, quando il tempo lo … Continua a leggere

Pubblicato in giardino, Silenzi | Lascia un commento

Le lunghe notti – Gli ultimi addii

Lunghe le notti d’attese Spento a scrutar l’oscuro bianco Il cuore prosciugato disincanta La spuma biancheggia Sul limitar dell’onda Il brulicare incanta e acquieta Nessuno chiama, nessun risponde Risali lento l’arena che imbrunisce, Amato immor[t]ale che t’attardi, Rechi un muto … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | 3 commenti

Itaca brucia – Gli ultimi addii

Cosa sai amato immor[t]ale di un talamo che urla il tuo nome, dell’attesa che consuma intrecci di pensieri all’arcolaio, dei passi roboanti nelle stanze vuote? Tu eri approdato a Itaca Nel casuale rincorrersi di isole Non ad Ogigia Né sull’isola … Continua a leggere

Pubblicato in giardino, Silenzi | Lascia un commento

parlare ancora

Alba pallida. Abbozzato è l’autunno Sulla finestra. Ascolto. Piove Tra le arcuate vetrate. Tiepida notte. 09.09.2017

Pubblicato in giardino, haiku | Lascia un commento

Casa di Sassi ed Acqua

Originally posted on changingmoods:
Amo le case di sassi e muschio. Adoro camminare a piedi nudi sull’ardesia colore del cielo senza stelle, origliare la pietra graffiata mentre fa l’amore con le travi screpolate dal tempo. Mi addormento al sicuro se…

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Tigli in estasi. Contro ogni logica L’attesa è vita.

Pubblicato in giardino, haiku | Lascia un commento